Paccheri alla bottarga

prod_bottOggi una veloce ricetta, paccheri alla bottarga. Ovviamente in primo luogo vi serve della bottarga di tonno , io sono stato fortunato e ne ho avuto in omaggio un pezzo direttamente da Carloforte. Se non avete questa fortuna rimediate e andate in un negozio di prodotti tipici a comprarne un pezzo. Mettete l’ acqua sul fuoco per i paccheri e conteporaneamente in una padella a scaldare un cucchiaio di olio EVO. Aggiungete uno spicchio di aglio e se siete uomini rudi anche un peperoncino (rotto se volete un gusto strong), fate scaldare e aggiungete un acciughina sotto sale o pasta di acciughe sino a a che si sciolga.

Mentre l’ acqua bolle e avete buttato la pasta abbassate al minimo il fuoco sotto la padella e grattugiate una spolverata di bottarga.

Scolate i paccheri al dente e passateli nella padella, alzate il fuoco e fate saltare.

Servite al dente spolverando il resto della bottarga direttamente sul piatto a gradimento degli ospiti, da abbinare ad un vermentino di gallura delle cantine Sella & Mosca.

Per grattugiare la bottarga vi serve questa, se non l’ avete prendetela subito cliccando sull’ icona qui sotto!

Tartare di Tonno e Spada

Oggi ricetta facile e veloce per gli amanti del pesce.
IMG_3591Primo passo procurarsi dal pescivendolo di fiducia del tonno freschissimo e del pesce spada altrettanto fresco. Tamponiamolo con carta da cucina per levare il liquido che è formato, tagliamolo a striscioline fini tenendo separate le due qualità.
In una terrina sbattete del succo di limone (se al supermercato trovate il lime meglio), dell’ olio extrtavergine e il succo di un pompelmo. (se il pompelmo è troppo forte  per i vostri gusti usate un arancia).
Quando sarà emulsionato per bene aggiungete un rametto di finocchietto selvatico, versate il composto sulle fettine di pesce, mettete in frigo un oretta.
Tiratelo fuori e con l’ aiuto di una formina preparate un cilindretto, metà tonno e meta spada. Una macinata di tonno fresco e un filo d’ olio per servire accompagnato da un insalatina verde.
questi per impiattare il cilindretto di pesce:

Pasta al tonno

nella foto preparazione con pasta classica

Visto che l’ estate sta’ finendo, cerchiamo di avvicinarci all’ autunno con una ricetta che ha l’ odore del mare dentro.
Perciò prepariamoci una pasta fresca con il tonno…fresco.
Prepariamo la pasta fresca con due parti di farina “00” e una parte di farina di grano saraceno, prepariamo una pasta corta come preferite.

Nel frattempo in una padella fate soffriggere un pò di cipolla, un pò di porro, lo spicchio d’aglio e il peperoncino con un pò di olio d’oliva.
A parte tagliate a cubetti del tonno fresco, se non siete alla tonnara di Favignana o di Carloforte, procuratevelo dal vostro pescivendolo di fiducia.
Intanto nella padella di prima aggiungete il tonno a cubetti e lasciate rosolare per qualche minuto, aggiungete i pelati schiacciati, i capperi e le olive tagliate a rondelle. Lasciate che il sugo si riduca.
Gettate la pasta ancora bagnata e lasciate mantecare qualche minuto aggiungendo un filo d’ olio di oliva crudo e prezzemolo.
Servite in tavola con una spruzzata di pepe fresco.

Tonno Annoiato o stufato

Ricetta veloce per uno stufato di tonno gustoso e saporito.

Recatevi dal vostro pesciaio di fiducia e fatevi tagliare un trancio di tonno fresco, per fare le proporzioni con un chilo ci sfamate sei persone normali o quattro orchi.  Mettelo a marinare in acqua e aceto bianco qualche ora prima della cottura. Nel mentre preparate un trito di cipolla, sedano e alloro.
Prendete il vostro tegame in terracotta o antiaderente, un filo d’ olio e mettete il trito a rosolare. Quando è bello imbiondito, mettete il tono e fate cuocere per 20 minuti girandolo con il mestolo di legno. A metà cottura aggiungete un bicchiere di vino bianco (direi un vermentino) e fate sfumare aggiungendo olive nere tritate.

Sala, chiudi il coperchio e lascia finire la cottura.
Servire ben caldo su letto di verdurine tagliate, sedani e finocchi in primis.

Usate questo per la cottura: