Il Bianco e Nero di Emanuela – Lezione 5

LO SVILUPPO DELLA PELLICOLA

Buongiorno e ben ritrovati a tutti quanti alla nuova lezione (la precedente come sempre la trovate qui)

Con oggi iniziamo la parte pratica e più esattamente lo sviluppo della pellicola.
Lo sviluppo è un’operazione critica e delicata, da eseguire con estrema attenzione, concentrazione e precisione: gli errori commessi in fase di sviluppo non sono rimediabili a differenza degli errori commessi in fase di stampa che possono essere riparati eseguendo una nuova stampa.Io vi consiglio vivamente di allenarvi preventivamente, prima alla luce, poi al buio, con una pellicola danneggiata o vecchia, per avere una maggiore destrezza al momento opportuno.Le prime volte ero assalita dall’ansia di commettere errori e di dover gettare la pellicola…Se anche a voi succede, non preoccupatevi! E’ normale! Con un po’ di pratica si riescono ad acquisire una buona manualità e sicurezza!

PREMESSE
Prima di iniziare a sviluppare la pellicola, è opportuno tenere presente che:

  • una maggiore diluizione della soluzione di sviluppo ( nel caso venga riportato in etichetta un range di diluizioni anzichè una diluizione fissa ) determina un aumento del potere compensatore, cioè della capacità di rendere leggibili i dettagli, ed una diminuzione del contrasto;
  • la temperatura di sviluppo considerata ottimale è20°Ce le indicazioni riportate in etichetta si riferiscono, solitamente, ad essa: variazioni della temperatura comportano inevitabilmente variazioni nei tempi, ad una maggior temperatura corrisponde un minor tempo, invece ad una minor temperatura un maggior tempo;
  • incrementi del tempo di sviluppo determinano un aumento del contrasto;
  • un’agitazione più frequente o vigorosa determina anch’essa un aumento del contrasto in quanto provoca un maggior ricambio della soluzione sulla superficie della pellicola rafforzandone l’azione.

Premesso ciò, che andrà ad influire in maniera determinante sul risultato finale, iniziamo ad analizzare le fasi del processo di sviluppo.

N.B.: per la preparazione di ogni soluzione è consigliabile destinare il materiale necessario per la preparazione della stessa, esclusivamente ad essa, onde evitare di confondersi ed utilizzare acqua filtrata per eliminare buona parte delle impurità presenti in quella corrente.

Continue reading