Amico Celiaco

mareBenritrovati!

Nello scorso articolo avevamo parlato del menù per invitare a casa un Amico Vegano, oggi vediamo come fare se abbiamo a cena un Amico Celiaco.  I celiaci, contrariamente ai vegani che scelgono di seguire quel tipo di dieta, sono costretti a non assumere particolari cibi pena l’ insorgere di gravi disturbi.

Banditi quindi tutti i farinacei e i derivati del grano che contengono glutine, vediamo come organizzarci per mangiare bene e far sentire a proprio agio gli ospiti.

Per prima cosa fate una profonda opera di pulizia del piano di lavoro, in modo da eliminare ogni possibile contaminzaizone con farinacei e residui di prodotti contenenti glutine, sarebbe stupido pensare a tutto e poi rovinare la cena perchè si è appoggiato ilpesce su di un tagliere con tracce di farina.

Optiamo per un menù di mare e iniziamo con un antipasto di tonno e spada  che può essere servito con sia freddo che leggermente tiepido.
Passiamo quindi al primo, scegliendo un risotto o meglio un timballo, facendo attenzione di usare per il risotto solo brodo vegetale senza dado perché contiene gluttamato e può dare disturbi in alcuni soggetti.

Come secondo optiamo per un bel dentice grigliato  con il suo contorno di insalata fresca.
Terminiamo con una macedonia di frutta fresca visto che la stagione ce lo consente ed avremo passato una serata all’ insegna del mangiare sano.

Amico Vegano

se avete un forno così, siete a cavallo!Oramai ognuno di noi ha nella propria cerchia di amicizie o amicizie allargate un Amico Vegano, (da non confondersi con l’ Amico Uligano di Elio e Le storie Tese) per chi non lo sapesse i vegani sono l’ evoluzione dei vegetariani. Coloro i quali scelgono questo regime alimentare invitati a cena creano al padrone di casa imbarazzo ed ansia per la paura di sbagliare qualche piatto o di rendersi scortesi con gli ospiti.

Vediamo allora cosa possiamo servire a cena. Iniziamo con un bel piatto di farinata,  farina di ceci, acqua, olio e sale sono perfetti per una dieta vegana. Per primo invece suggerisco un bel piatto di pasta aglio, olio e peperoncino  , il secondo risulta più ostico ma una torta di verdure o delle melanzane possono essere una buona soluzione.

Come dolce chiudete la cena con una bella macedonia di frutta, magari per voi aggiungete il gelato (non di soia).

Eviterete di impazzire a cercare alimenti particolari come il Tofu, Seitan e non rischierete di cucinarli in maniera errata.

Buon appetito

Piadina burger

piadina romIl titolo vi incuriosisce ? Vediamo come coniugare carne e piadina in una Piadina burger © . Non vi ricordate come fare la piadina ? Cliccate qui e rinfrescatevi la memoria.
Partiamo allora; dal vostro macellaio di fiducia fatevi tritare la solita triste fettina che avreste fatto in padella. Arrivati a casa aggiungete alla carne trita un cucchiano di nduja, olio, sale e pepe. Lavorate per amalgamare la carne e stendetela su di un foglio di carta forno, appoggiate sopra un altro foglio e stendetela con il mattarello sino a farne un disco dello spessore della piadina.
Con l’ aiuto della carta da forno stendete il disco in padella (calda) e fatelo cuocere, rapidamente perchè è molto sottile. Appena cotto stendetelo sulla piadina, fettina di pomodoro e un po’ di salsa. Arrotolatelo e mangiate.

Buon appetito!

Pollo alle Mandorle

dscf4544Visto che domenica scorsa abbiamo fatto un incursione nella cucina cinese ed abbiamo investito qualche decina di euro per comprarci un wok, vediamo di farlo fruttare e prepariamoci un pollo alle mandorle.
Per prima cosa iniziamo con lo sgusciare le mandorle (se avete comprato le mandorle sgusciate saltate pure questo passaggio), dopo avere rotto i gusci passate le mandorle in acqua bollente per levarci la seconda pellicina. Quindi poggiatele su un pezzo di carta forno e scaldatele dieci minuti a 180 gradi per asciugarle e renderle croccanti.
Mentre le mandorle si asciugano tagliate un pezzo di petto di pollo a cubetti, se è troppo spesso battete i pezzi con il dorso del coltello per renderlo tenero. Mettete i pezzi di pollo a marinare con una bagna composta da salsa di soia, un filo d’ olio di arachidi,  un dado da brodo e una grattata di zenzero (attenzione perchè è piccante). Lasciate che il pollo sia ben impregnato e mettete il wok sul fuoco con due dita di olio di arachidi, appena l’ olio è caldo iniziate a prendere i pezzi di pollo, passateli nella maizena e gettateli in padella a rosolare. Se iniziano ad asciugare allungate con un po’ di brodo e salsa di soia. Dopo una decina di minuti ( a seconda della dimensione dei pezzetti di pollo, più sono piccoli prima cuociono) si dovrebbe essere formata la tipica salsina, aggiungete le mandorle che avrete spezzettato in maniera grossolana.
Servite caldo.

Riso alla cantonese

risoallacantoneseRiprendiamo, dopo una pausa, con una ricetta gli articoli domenicali. Oggi vediamo di racontare come preparare il Riso alla Cantonese in casa magari evitandoci i bruciori di stomaco che ci possono colpire se siamo stati a cena in un ristorante non propriamente “stellato”.§
Per prima cosa vi serve la padella chiamata Wok, che per la ricetta cinese è fondamentale. Diamo per scontato che sappiate come si utilizza, se ritenete necessario faremo un post apposito.
Prepariamo quindi il riso, per questo piatto ci vuole il Riso Basmati che deve essere cotto in maniera diversa dal normale risotto. Perciò prendiamo 1 tazza a testa di riso + 1 (cosidetta per la pentola) per ogni commensale, sciacquiamo il rsio sotto l’ acqua fredda, mettiamolo in una pentola e copriamolo con eguale quantità d’ acqua. Portiamo ad ebollizione e lasciamo per circa 8-10 minuti sino a che non è stata assorbita tutta l’ acqua, tiriamolo fuori e mettiamolo su di un piatto sgranandolo e lasciandolo raffreddare. (il bello di questo riso che può essere preparato molto prima).
Mettiamo sul fuoco l’ Wok con due cucchiai di olio di semi (non quello di oliva perchè il gusto è diverso) lasciatelo scaldare; nel frattempo sbattete con una frusta due uova, salate e pepate versate il composto nella padella ormai calda e spezzettate con la frusta in modo da ottenere una specie di uovo strapazzato, appena cotto levatelo dal fuoco e mettetelo da parte. Versate nell’ olio della padella ormai calda un cipollotto tagliato fine, appena imbiondito  una manciata di pisielli (anche scongelati), una fetta di proisciutto di Praga tagliata a dadini (circa 120 g x 2 persone).
Fate andare per qualche minuto mescolando bene, aggiungete il riso che avevate tenuto da parte bagnando con salsa di soia e un pizzico di dado granulare. Quando è bene amalgamato aggiungere l’ uovo e servire.
Mi raccomando la cottura nell’ wok è breve e avviene a temperature elevate per permettere agli ingredienti di rimanere croccanti fuori e morbidi dentro.

FETTUCCINE CON FUNGHI PORCINI E SALSICCIA

Aria d’autunno in cucina.

Oggi vi propongo un piatto unico di grande sostanza. Abbiamo riposto gli ombrelloni in garage e usato le creme solari come impacco per idratare il corpo e di conseguenza non è d’obbligo sfoggiare bikini o pettorali scolpiti e possiamo osare, almeno la domenica, con qualcosa di più energetico.

10411957_799407883448940_5321629016021437439_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FETTUCCINE CON FUNGHI PORCINI E SALSICCIA

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

– 500gr di fettuccine fresche

– 800gr di funghi porcini freschi o surgelati

– 300gr di salsiccia piccante

– olio, sale e pepe

Mettiamo abbondante olio in un saltapasta molto capiente e lasciamo soffriggere la salsiccia spellata, quando sarà ben rosolata aggiungiamo i funghi porcini tagliati a pezzetti e continuiamo la cottura per un 15 minuti, saliamo poco e abbondiamo di pepe. Cuociamo per due minuti le fettuccine in acqua bollente salata e dopo averle scolate passiamole nel saltapasta dove assorbiranno tutto il condimento. Serviamo la pasta bollente con altro pepe macinato.

Buon appetito e buona domenica, Gemma

Foto Gemma ©

Foto Gemma ©

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carbonara vegetale

Carbonara vegetale

Foto Gemma ©

Buona domenica! Piatto ricco mi ci ficco! Caratteristiche del piatto di oggi: un primo,calorie 700 abbondanti (credo), finto vegetariano, zozzissimo. Andiamo con la ricetta che già ho la bava alla bocca!

CARBONARA VEGETALE

INGREDIENTI (per 4 persone):

-400gr di spaghetti

-300gr di zucchine

-250gr di carote

-150gr di guanciale

-2 uova

-50gr di pecorino di media stagionatura

-olio evo, sale e pepe.

Laviamo e puliamo carote e zucchine e tagliamole a dadini molto piccoli. Facciamole appassire per 10 minuti nell’olio a fiamma media, quando iniziano ad ammorbidirsi saliamo, uniamo il guanciale a dadini e facciamo soffriggere a fiamma alta fino a quanto tutto diventa croccante. Sbattiamo le uova in una ciotola e amalgamiamo con il pecorino grattugiato. Cuociamo al dente gli spaghetti e facciamoli saltare per 1 minuto in padella con il condimento di verdure e guanciale. Togliamo la padella con gli spaghetti dal fuoco e versiamo le uova al pecorino. Mescoliamo il tutto molto rapidamente. Spolverizziamo con molto pepe e il piatto è pronto.

Buon pranzo, Gemma.

Gnocchi di Ricotta

Anche questa domenica in cucina lasciamo Gemma che ci preparerà degli gnocchi di ricotta che io mai avrei immaginato!

gnocchi crudi41955412227458_n

Foto Gemma ©

Qualche settimana fa mi son trovata sottomano questa ricetta e per me è stata un’illuminazione, visto il mio amore spudorato per gli gnocchi e la mancanza di tempo nel preparare le patate. Immediatamente mi sono messa all’opera e sono risultati sodi, profumati e assolutamente deliziosi. Ve li propongo ora, subito dopo le festività pasquali, perché potreste riciclare ottimamente della ricotta non consumata.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE: -500 gr di ricotta vaccina o di pecora -300 gr di farina 00 -100 gr di grana grattugiato – un mazzetto di basilico fresco tritato finemente -sale, pepe e noce moscata.

Su una spianatoia impastate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Iniziate a tagliare dei pezzettini dal filoncino ottenuto e formate dei bigoli che poi taglierete in tubetti di circa due centimetri. Mentre li confezionate, spolverateli con della farina per non farli attaccare e se volete un risultato più carino fate degli incavi con l’aiuto di una forchetta, così raccoglieranno più condimento.

gnocchi

Foto Gemma ©

Per cuocerli usate una pentola abbastanza capiente e quando l’acqua bolle, salatela e immergete gli gnocchi, quando torneranno su per due volte sono cotti, Scolateli e saltateli in un saltapasta con 50 gr di burro fuso molto velocemente e per pochi secondi. Serviteli su un piatto piano molto largo sul quale avrete spalmato del semplicissimo sugo di pomodoro Pachino e basilico, spolverateli con abbondante grana.
Buon appetito. Gemma

P.s. Seguite Gemma su Istagram ! @gemmadeath

Pesto alla trapanese

Anche questa domenica lascio la cucina in mano a Gemma che prepara il pesto alla trapanese, anche se per me l’ unico pesto che esige è quello con il basilico !

1480772_711656165557446_8812296153045334571_n

Foto Gemma©

Cristiano mi ha affidato nuovamente la sua pagina domenicale, è una grande gioia per me parlare di quello che amo e a lui va tutta la mia gratitudine. La caratteristica principale della mia cucina e’ quella di avere due fondamenti:
1) l’assenza di aglio e cipolla(causa mia dipartita da questa Terra)
2) la velocità nelle preparazioni(essere moglie, madre lavoratrice e figlia mi porta ad economizzare i tempi un po’ su tutto e in cucina riduco i minuti senza rinunciare ai piaceri di un buon piatto).
Molte le sperimentazioni e le eresie ma, alla fine qualcosa di buono ne esce sempre, grazie anche alle mie povere cavie. Bella lei a chiacchierare !!! Eccovi la ricetta della pasta al mio personalissimo Pesto alla Trapanese (chiedo venia e mi cospargo il capo di cenere per il cultori della ricetta DOP e i siciliani tutti, per aver distrutto l’eccellente “Pasta cull’agghia”) Non vi dirò di usare il mortaio di marmo di Carrara e non vi darò le dosi esatte degli ingredienti (ricordate quanto sia approssimativa?) In un mixer tritatutto versate basilico (almeno 50gr) mandorle non pelate (100 gr possono andare) pecorino siciliano semistagionato grattugiato (3 o 4 cucchiai) poco sale e abbastanza pepe nero e olio EVO ( tanto quanto basta per rendere tutto cremoso e che sia sufficiente a condire bene la pasta) e frullate bene fino a rendere il composto granuloso.

Questo è il vostro pesto Mentre cuocete la pasta al dente, a voi la vostra preferita, tagliate a listarelle sottili alcuni pomodori Pachino rossi e ben sodi e scolateli bene da succo e semi. Condite la pasta con il pesto e unite i pomodori a crudo. E’ una fresca delizia, in estate potete proporla come pasta fredda, se avete fatto troppo pesto potete usarlo come crema su bruschette o esaltare un’umile patata bollita.
Fate voi e…Buon Appetito Gemma.

Spiedini di pollo piccanti

Oggi prepariamo degli spiedini di pollo piccanti con lo zenzero.

Tagliamo il pollo a pezzetti e mettiamolo in una terrina, peliamo lo zenzero e grattugiamolo in un piattino.

Prendiamo la polpa rimasta e spremiamola tra le dita versando il succo sul pollo. Saliamo e pepiamo, qualche rametto di rosmarino mescolando bene;
Mettiamo in frigo per 30 minuti coperto con la pellicola a marinare.

Peliamo le carote tagliandole a rondelle spesse, in una padella scaldiamo l’ olio per rosolare le carote, sfumando con il brodo se necessario; lasciamole piuttosto croccanti.
Prepariamo gli spiedini di pollo lasciando inserite piccole foglioline di rosmarino. Grigliamo sulla piasta spuzzando con la marinatura per tenere la carne morbida.