Tortillias burgher

Siete alle prese con la solita fettina di carne triste da cuocere in padella? Volete un alternativa per rallegrare una pausa pranzo ?

Provate la Tortillias burgher !

tortillaDi cosa si tratta in sostanza? Inizamo ad impastare le tortillias con 150g di farina bianca di tipo ‘0’ e 150g di farina di polenta, acqua q.b. sino ad ottenere un impasto morbito ed omogeneo. Dividetelo in tre palline eguali e iniziatele a stendere sino ad ottenere tre sfogliatine sottili (diciamo delle dimensioni della vostra piastra antiaderente).

Contestualmente le fettine di carne che avete comperato (3 immagino) ve le fate tritare dal vostro macellaio di fiducia, oppure comperate tre etti di carne magra macinata. Conditela con un filo d’ olio, salsa di soia, e se piace un gusto più deciso due gocce di tabasco. Dividetela anche questa in tre parti, appoggiatele le palline tra due fogli di carta da forno e stendetela con il mattarello sino ad ottenere una sfoglia sottile e compatta.

Iniziamo con il cuocere la piadina/tortillias, basteranno pochi minuti per lato sulla piastra calda. Appena è pronta mettiamo SENZA LEVARE LA CARTA la carne sulla piastra. In pochi minuti vedrete che sarà cotta in quanto molto sottile. Passate quindi all’ assemblaggio. Sulla tortillias calda stendete un velo di maionese o di altra salsa di vostro gradimento, levate uno strato di carta da forno e appoggiate la carne sulla salsa, levate l’ altro strato e arrotolate il tutto. Se volete potete aggiungere dell’ insalata o fette di pomodoro. Sconsiglio il formaggio per evitare di coprire il gusto della carne.

Da servire con una Corona ghiacciata.

questa è la piastra per cuocere che vi serve:

 

Piadina burger

piadina romIl titolo vi incuriosisce ? Vediamo come coniugare carne e piadina in una Piadina burger © . Non vi ricordate come fare la piadina ? Cliccate qui e rinfrescatevi la memoria.
Partiamo allora; dal vostro macellaio di fiducia fatevi tritare la solita triste fettina che avreste fatto in padella. Arrivati a casa aggiungete alla carne trita un cucchiano di nduja, olio, sale e pepe. Lavorate per amalgamare la carne e stendetela su di un foglio di carta forno, appoggiate sopra un altro foglio e stendetela con il mattarello sino a farne un disco dello spessore della piadina.
Con l’ aiuto della carta da forno stendete il disco in padella (calda) e fatelo cuocere, rapidamente perchè è molto sottile. Appena cotto stendetelo sulla piadina, fettina di pomodoro e un po’ di salsa. Arrotolatelo e mangiate.

Buon appetito!

Chili e piadina

chiliRitorniamo con la ricetta della domenica. Questa volta facciamo una contaminazione sui generis, proviamo il chili in forma nostrana e visto che siamo in Italia, al posto delle tortillias usiamo delle piadine. Andiamo quindi senza indugio a procurarci della carne macinata, due etti possono bastare, già che siamo dal macellaio prendiamo anche due etti di salsiccia. Prepariamo una casseruola con un filo d’ olio, tagliamo a fettine una cipolla rossa e una bianca. Rosoliamo, quando la cipolla sarà dorata aggiungiamo la carne. Un filo di vino bianco aiuterà la cottura. Quando la carne sarà rosolata aggiungiamo il peperoncino verde tagliato a pezzi (togliamo i semini per evitare il super piccante) e la salsa di pomodoro.  Ci vuole un pizzico di zucchero per eliminare l’ acido del pomodoro, assaggiate e regolate di sale.Nel frattempo prendete i fagioli, usate quelli in scatola, sciacquateli dal liquidi do conserva, scolateli e aggiungeteli. Lasciate cuocere a fuoco lento controllando e regolando di sale

Nel frattempo preparate le piadine di dimensione più piccola rispetto al solito. Farcite con il chili preparato e mangiate, da accompagnare con birra chiara ghiacciata.

Piadina Dietetica

piadinaNon pensate di utilizzarla al posto della dieta, con questa non dimagrirete di certo.
Partiamo dall’ inizio. A me la piadina piace molto, con vari ripieni anche non tradizionale (non mi piacciono i formaggi molli) però non abitando in Romagna utilizzavo quella confezionata. Il problema era che mi lasciava pesantezza e bruciore allo stomaco, una rapida scorsa agli ingredienti e mi sono abbastanza spaventato per la lunghezza della lista. Ho pensato allora di farne una versione artigianale più sana.

  • 300 g di farina grano tenero
  • 150 g di latte
  • 50 g d’ olio E.V.O.
  • 2 g di bicarbonato
  • 10g di sale

Impastate il tutto e con questo composto dovreste avere il materiale per tre piadine, tiratelo con il mattarello a forma di piadina (più o meno) e cuocete in forno caldo a 200° su tegame antiaderente o carta da forno per 3 minuti con un filo olio EVO sopra. Risulterà forse un filo più croccante della solita piadina fatta con lo strutto e attenti a non esagerare con la cottura.

Utilizzate come una piadina normale, il vostro stomaco vi ringrazierà.

Usate questo per cuocere i vostri prodotti da forno: