Plum cake di pollo

Calice-spumante-252x300

non c’entra nulla con il pollo ma lo spumante ci sta sempre bene in tavola

Il Plum Cake di pollo non è un dolce ma l’ unico modo che mi è venuto in mente per descriver questo piatto che possiamo servire durante tutta la settimana.
Per prima cosa prendiamo un petto di pollo, lo puliamo da eventuali nervetti e lo tagliamo a listarelle. Lo mettiamo a marinare con un uovo, sale, pepe e olive taggiasche tagliate a pezzettini. ( se piace il piccante aggiungete peperoncino)
Nel frattempo preparate il classico pesto alla ligure con basilico, pinoli, olio, grana e pecorino (oppure se non volete sbattervi prendetelo in vasetto anche se non è buono eguale)*
Aggiungete il composto al pollo, mescolate e lasciate riposare il tutto in frigo per un ora.
Nel frattempo foderate uno stampo da plum cake con carta forno bagnata e strizzata. Stendete le fette di pancetta sul lato corto dello stampo facendole debordare in modo che chiudano il ripieno a base di carne una volta versato nello stampo.
Cuocete in forno un ora a 140-150 aggiungendo un bicchiere d’ acqua nella leccarda per non farlo asciugare.
Sfornate e servite raffreddato per riuscire a tagliarlo bene.
Accompagnatelo con un Franciacorata gelato oppure se volete fare gli alternativi con birra di abbazia.

*il pesto nei barattoli non puoi essere buono come quello fresco per il semplice motivo che per poter essere venduto fuori dal frigo deve avere i conservanti

Arrosto della Festa

Allora, mentre si avvicina il cenone di Natale e voi state pensando cosa servire ai vostri ospiti vi suggerisco un secondo che può andare bene per tutte le occasioni in cui avete ospiti.

Prendete dal vostro macellaio di fiducia un pezzo di lonza di maiale, fate conto che con un chilo di carne sfamete sei persone quindi sappiatevi regolare. Levate eventuali pezzi di grasso o cotica e fate due o tre incisioni longitudinali che attraversino circa la metà dello spessore. Continue reading

Gamberi e pancetta

Prendo spunto dal post dell’ amico Davide Mana sulla ricetta per il coniglio

href=”http://strategieevolutive.wordpress.com/2011/12/04/coniglio-alla-disperata/” title=”Coniglio alla disperata”>

Per suggerire una ricetta di mare, ovvero Gamberi & pancetta oppure l’arco per chi non ha problemi di colesterolo e calorie.
Per 4 persone
Prendete dei gamberoni grossi, se li trovate freschi meglio, altrimenti anche congelati (in questo caso lavateli con l’ aceto così si leva l’ odore di ammoniaca) direi tre a cranio. Se avete amici a cena come i miei fate anche 5.
Apriteli con le forbici sulla schiena onde evitare scene indecorose a tavola.
Fasciateli con pancetta o lardo e fissate con uno stecchino.
In una padella scaldate olio EVO con uno spicchio d’ aglio e un peperoncino. Nel frattempo preparate del riso da cuocere con un po di brodo.
Quando l’olio e’ caldo buttate i gamberi in padella, fateli andare per un po’. Quando il riso e’ quasi pronto unitelo ai gamberi come fondo.
Servito caldo con Vermentino di Gallura o prosecco di Valdobbiadene a seconda dei gusti.