Professionisti?

Io avrei voluto evitare, avrei voluto parlare di altro ed evitare l’ ennesima conferma del postulato di Santini, ma a quanto pare non si riesce.
Oggi nella sezione di internet che non esiste, ho trovato la segnalazione a questo articolo che parla in maniera polemica dell’ arrivo in Italia di Huffington Post Italia diretto da Lucia Annunziata.
Premesso che a me la politica di HuffPo nei confronti dei blogger mi picchia un pochino sulle p… e che per me l’ Ordine dei Giornalisti andrebbe eliminato domani mattina, di questo tipo di articoli non se ne può più!
Siamo nel 2012, non possiamo continuare a lamentarci dei bei tempi andati quando la conoscenza era limitata ad un élite e per scrivere su di un giornale occorreva avere la patente, ormai lo sviluppo tecnologico permette a chiunque di essere fotografo, giornalista, video maker. Quali siano poi i risultati è tutto da vedere, ma non è certo invocando una protezione corporativa che si avranno risultati, perché troverai sempre qualcuno disposto a farlo a meno o addirittura gratis per il solo gusto di vedere il suo nome pubblicato o gli Hits del suo blog schizzare verso l’ alto.
L’ unica via che paga è la ricerca della qualità e quella di fornire un prodotto che gli altri non hanno.
Ovvio che regalare il proprio lavoro non deve essere fatto ma pensiamo di impedirlo per legge?
Avevamo già parlato più volte di questa situazione nel campo della fotografia (ad esempio qui, qui), che ritengo molto simile a quella dei giornalisti descritti nell’ articolo citato.
Purtroppo non si può certo chiedere agli editori, che devono fare business, di evitare di utilizzare foto ed articoli gratis, l’ unica speranza è che i lettori esigano prodotti di qualità e che puniscano gli editori che confezionano i prodotti con gli scarti.