Organizzare una mostra fotografica

forma2-550x412Benritrovati a tutti, se fotografate sia per lavoro che per diletto sarà capitata l’ occasione in cui il fratello della cugina del vostro vicino di pianerottolo ha visto una delle vostre foto ed ha esclamato “ma che belle foto, potresti  organizzare una mostra fotografica!”
Avete abbozzato una risposta e siete fuggiti, cerchiamo di avere le idee più chiare.

1. Scegliere le foto

Può sembrare banale ma è la prima cosa da fare ed anche la più difficile. Scegliere le foto che dovete esporre in funzione della mostra e del luogo dove sarete ospitati. La prima cosa da sapere è il numero di opere che può variare a seconda se è una mostra collettiva o singola e delle dimensioni.
Questo, insieme alle date di apertura e chiusura della mostra, è un dato fondamentale che dovete concordare con gli organizzatori prima di iniziare la cernita.

Quando avrete il numero delle foto che andrete ad esporre iniziate la selezione, immaginate un percorso logico. Dalla prima foto all’ ultima, è necessario un filo che unisca le immagini e quindi dia una sensazione di continuità. Per questo valutate bene fotografie verticali ed orizzontali, colore e bianco e nero.

2. Preparare le stampe

 

Adesso che avete scelto le immagini e la scaletta con le quali andranno presentate dovrete preparare le stampe. Portate i files dal vostro stampatore di fiducia già preparati secondo le sue indicazioni, ritagliatevi un poco di tempo per poterle guardare sul SUO monitor prima di mandarle in stampa, magari costerà un po’ di più rispetto ad un servizio on-line ma vi eviterà problemi e ulcere.
Quando le stame saranno pronte rimane da decidere la presentazione.
Qui entra in campo il vostro budget e quello dell’ organizzazione. Si può partire da un semplice cartoncino su cui fissare le stampe con della colla spray sino alla cornice con tanto di passe partout. L’ importante è che siano tutte eguali e che si possano posizionare nello spazio dedicato (informatevi se esistono già i supporti, se si possono appendere o se dovete approntare dei cavalletti)

Nel prossimo articolo, visto che la data di inizio si avvicina vediamo cosa c’è da fare.

Fotografare gli arti

DSC_6860Un argomento inerente la fotografia, oggi parliamo di fotografare gli arti!
Bravi, avete capito bene, mani, piedi, occhi tutte le parti del corpo che quando realizzate un ritratto fate attenzione a non tagliare per evitare l’ effetto “gita turistica 1980”.

Le foto di mani, piedi ecc oltre ad avere un loro potenziale artistico sono richiestissime dalle agenzie di stock che mettono in catalogo le foto per poter illustrare i più diversi articoli.

Quali accortezze usare per le foto ?

 

1) attenzione alla messa a fuoco!DSC_0021
Fotografando con ottiche macro e a distanza ridotta l’ area a fuoco si riduce drasticamente, e una mano se ripresa nella maniera scorretta risulta essere a fuoco solo in una parte. Cercate quindi di aumentare l’ area nitida utilizzando inquadrature laterali e diaframmmi più chiusi possibili, magari avvaletevi della funzione di “crop” in post-produzione.
2) attenzione all’ illuminazione!
Queste foto devono essere ben illuminate, in maniera omogenea senza parti bruciate o nere e con ombre non nette. Utilizzate quindi sfondi bianchi, illuminazione diffusa e almeno due fonti luminose per eliminare al più possibile le ombre.
3) siate fantasiosi!
Non mettete freno alla vostra creatività, anche le situazioni più assurde possono essere utili. Mani che impugnano qualsiasi tipo di utensile, guanti di tutti i tipi, scarpe e stivali di varie fogge. Siate creativi !