Lavoro a rischio

tutti coloro che hanno una barca sono in mare…

Teoricamente il lavoro del fotografo, a meno che non si faccia il reporter in qualche posto che finisce come -STAN, dovrebbe essere abbastanza sicuro.

la barca portata in trionfo…sopra la tua testa

Abbastanza, dicevamo, a meno che non si fotografino degli eventi sportivi con un enorme seguito popolare. Come il palio remiero di La Spezia.
Come il ben più famoso Palio di Siena anche questo divide la città in fazioni (qui 13) la cui rivalità è antica e ben radicata; al posto dei cavalli qui ci sono delle imbarcazioni spinte dalla forza dei remi, una per ogni quartiere.

La folla, domenica si calcolavano 30.000 persone, affolla la passeggiata con un tifo da stadio e quando la barca vincitrice taglia il traguardo, i tifosi si gettono in acqua per festeggiare.
Poi la barca viene tirata sul molo per le operazioni di pesatura, se è tutto regolare, la barca viene portata in trionfo fino al rione vincitore.

oppure rischi di essere colpito da …una scarpa

Ecco, diciamo che in questi frangenti il rischio di venire travolti e finire in acqua mentre i tifosi esultano è molto alto!
Ma ho fatto scudo con il mio corpo ed ho portato a casa l’ attrezzatura sana e salva.

Dettagli tecnici: Per scattare le foto alle barche in acqua servono tele lunghi (nel mio caso 200mm + duplicatore 1,7x) mentre per muoversi nella folla occorre un bel grandangolare (17-35 f/ 2,8). Per le foto nella folla il flash è un obbligo altrimenti si rischia di rimanere in ombra o al buio.

Tutte le foto del palio le trovate sulla mia pagina di Fb.