Siamo tutti recensori

Oggi volevo ritornate su di un argomento che avevo già affrontato qualche tempo fa (vedi qui) relativo al sistema di valutazione di Amazon basato sull’ assunto  che noi siamo tutti recensori.
Il libro, anzi il pulcioso ebook autoprodotto con l’ iva al 22% perchè senza ISBN, pubblicato da ormai un anno sullo sviluppo e stampa in bianco e nero da pellicola è saldamente nella top 10 di genere

classifica di Amazon a Gennaio

classifica di Amazon a Gennaio

Soddisfatto di questo risultato consulto le recensioni dei lettori per vedere se oltre ad essere venduto è anche piaciuto e trovo questo:

_1

 

Ovviamente ho eliminato il nome di questi contributori.

Mi saltano agli occhi alcune piccole differenze.
La prima recensione porta a fianco la scritta “Acquisto verificato” e quindi vuol dire che chi l’ ha scritta ha comprato il volume.
La seconda recensione, quella ad una stellina, non c’è l’ ha. Quindi il libro non è stato acquistato, al massimo è stato scaricato l’ estratto.

Poi è interessante la data di compilazione ” 1 gennaio 2015″ , uno pensa che quel giorno siamo tutti impegnati a smaltire il cenone, invece c’è gente che lavora.

Ma quello che mi piace tantissimo è la coerenza tra il titolo, il contenuto e la valutazione:

“Buon riassunto”…. “Per Iniziare non è male”…. una stellina

E comunque bastava leggere il capitolo 5 per capire cosa succede se il rullino non è esposto.

#unlibroèunlibro sto’ cazzo*

kp-slate-01-lg-noVid._V358268777_

un esempio delle forze del male

Oggi parliamo di libri e in particolare dell’ iniziativa #unlibroèunlibro. Cercherò di fare una cronologia degli eventi lasciando i commenti personali al di fuori in modo che ognuno possa formarsi un opinione personale.

Cominciamo dal principio, alcuni anni fa’ Amazon esordisce in Italia con il suo servizio KDP (Kindle Direct Publishing) ovvero una piattaforma che permette a chiunque di pubblicare il proprio romanzo/racconto/saggio nel formato digitale dello store più grande del mondo.

La novità viene salutata in maniera entusiastica da chi voleva emanciparsi dalle Case Editrici e non rivolgersi alla truffa delle pubblicazioni a pagamento.  Dal punto di vista fiscale, Amazon applicava sugli ebook l’ aliquota agevolata del 3% in quanto la sede fiscale risultava in Lussemburgo per sfruttare la tassazione agevolata di quel paese (come fanno tutti i grandi player Apple, Google, ecc ).

Sulle prime, visto che si trattava di un fenomeno di nicchia, nessuno disse nulla. Ma quando il mercato iniziò a crescere e nel contempo i margini degli Editori a contrarsi (a causa della crisi globale), iniziarono a levarsi le prime proteste visto che in Italia l’ IVA era al 4% e sugli ebook al 22%.

Iniziò quindi la protesta dicendo che un libro è un libro indipendentemente dal supporto, che la cultura deve essere agevolata ecc ecc ecc.
Nota bene: Amazon da sola occupa circa il 50% della distribuzione dei libri digitali in Italia e l’ IVA ridotta sui libri non è applicata per questioni di cultura ma, solo per motivi contabili in quanto la gestione dei resi (che sono circa il 70% del cartaceo per i successi) renderebbe complicatissimo utilizzare la tassazione standard.

Negli ultimi mesi accadono due cose. La prima è che Amazon viene obbligato a tassare i suoi ebook al 22%, ovvero la tassazione del Paese in cui sono venduti e non più di quello in cui vi è la sede fiscale; la seconda, che pare un controsenso, è quella che viene recepita la questione posta sul supporto, ovvero la tassazione degli ebook viene equiparata a quella dei libri cartacei ovvero al 4%. Una pazzia? Da uno Stato che pretende l’ IVA sulle tasse e sui contributi** ci saremmo potuti aspettare questo ed altro ma…

Adesso arriva il bello, nei giorni scorsi Amazon invia ai fruitori del suo servizio KDP questa mail:
“[…] Infine, a partire dal 1° gennaio 2015, l’Italia ha varato una nuova legge. L’IVA applicabile per gli eBook venduti in Italia dipenderà dal fatto che tale titolo disponga o meno di un codice ISBN. Tutti gli eBook con ISBN presenteranno una tariffa con IVA pari al 4%, mentre gli eBook senza ISBN verranno prezzati con IVA al 22%. Tale supplemento verrà aggiunto al prezzo previsto per il titolo dal 1° gennaio e costituisce l’importo deducibile quando un cliente italiano acquista il libro. Se ottieni un ISBN dopo il 1° gennaio, l’IVA pari al 4% sarà quindi valida per le vendite successive […]”

Piccola digressione, cosa è questo codice ISBN ? In pratica si tratta di  una sequenza numerica di 13 cifre usata internazionalmente per la classificazione dei libri. Il suo utilizzo trovava significato nella distribuzione cartacea dove era necessario identificare con precisione ogni singolo libro,  ora con gli ebook che sono tracciabili sino al singolo compratore, la sua utilità viene messa in dubbio (in effetti Amazon per catalogare i suoi prodotti usa lo standard ASIN).

Allora dove è il problema, chi vuole pubblicare si procura prima questo codice ISBN e lo applica al suo ebook, semplice no?
No, non è così semplice perchè il codice viene fornito da un soggetto privato che vuole dei soldi per assegnarlo; ricapitolando io devo pagare un privato per avere un agevolazione sull’ IVA da versare allo Stato.
Ovviamente se il tuo libro viene pubblicato attraverso un editore usufruisci dell’ IVA ridotta.

Cioè #unlibroèunlibro solo se pago o se sono un editore, gli autori artigiani si fottano.

 


* si ringrazia il Sommo per l’ hastag
** lo Stato Italiano pretende l’ applicazione dell’ IVA sia sulle accise (tasse) che sui contributi previdenziali, tasse sulle tasse

 

Stiamo arrivando…

Oggi un veloce articolo per informare i lettori del blog che qui si lavora !
A parte gli scherzi, sto completando la post produzione delle foto per illustrare il manuale di yoga scritto da Lara Maggi.

Appena riesco, vedrò di mettere qualche foto del backstage come fanno quelli bravi e famosi !

Piccolo aneddoto. Se a un qualsiasi fotografo chiedete quali siano le peggiori condizioni per scattare un ritratto, vi risponderà senza esitazione:

[content_bar]in spiaggia a mezzogiorno![/content_bar]

Ovviamente le foto sono state realizzate in spiaggia a mezzogiorno!
In questi casi entra in gioco la differenza tra gli amatori e i professionisti, i primi possono scegliere di rimandare lo scatto, i secondi devono portare a casa il servizio quindi si attrezzano e fotografano.

Vi lascio con un bozzetto della copertina non ancora definitiva.

Y

L’Erba del Diavolo di Fabrizio Fondi – recensione

41HKjWix8EL._AA258_PIkin4,BottomRight,-36,22_AA280_SH20_OU29_Sinossi da Amazon.it

La sonnolenta estate di Grosseto viene macchiata da una scia di sangue che sembra non aver fine: messe nere, sequestri, vendette ed esecuzioni si susseguono lasciandosi dietro solo terrore. Il ritorno alle origini di Matteo Rovere, ispettore reduce da quindici anni di servizio nella tentacolare Milano, si snoda tra le strade, le campagne e i boschi della provincia maremmana alla ricerca di chi è arrivato in quei luoghi a seminare la morte. O di chi, forse, da quei luoghi non se n’è mai andato. Fabrizio Fondi ci guida tra dannazioni terrene e promesse infernali alla scoperta dell’inquietante Messo di Lucifero e del seducente Mago Edson. Perché l’ispettore Rovere è convinto che l’ambizione, la fame di successo, la sete di potere possano essere molto più pericolose del Diavolo. Ma sarà davvero così?

Commento

Scritto bene, una trama avvincente che tiene incollati sino alla fine, il giusto ritmo e i personaggi delineati con attenzione e cura. La provincia italiana descritta con una mano ferma e abbastanza cinica, lontani dai soliti stereotipi Qualche indecisioni nella trama e negli approfondimenti dei personaggi che si fermano senza un valido motivo e un finale assolutamente non all’ altezza del resto del libro anche se forse volutamente aperto per un improbabile sequel.

Per scaricarlo gratis cliccate qui:

 

Promozioni di primavera

coverLa primavera è alle porte, quindi vogliamo fare un regalo a tutti i lettori del blog. Una promozione di primavera!

Da oggi, 3 marzo, sino a questo venerdì 7,  il manuale di sviluppo e stampa della pellicola in bianco e nero sarà in vendita sullo store Amazon con il fantastico sconto del 68%!!!
[highlight1]Ve lo porterete a casa con soli 0,99 centesimi!![/highlight1]

Affrettatevi, perchè la promozione dura sino a mezzanotte di venerdì 7 marzo, fuso orario di Amazon.
Ricordatevi che anche se non avete un Kindle lo potete leggere su qualsiasi computer, tablet o smartphone scaricando l’ apposita applicazione.

Per comprarlo direttamente basterà cliccare su questo link:
Manuale Sviluppo e Stampa Pellicola in Bianco e Nero

IRREGOLARE di Vincenzo Bosica – Recensione

51dRibR5ziL._SS500_

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 544 KB
  • Lunghezza stampa: 310
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano

Sinossi (da Amazon.it)

In un prossimo futuro estremamente verosimile, tecnologico e inquinato oltre limite, il rinnovamento naturale è praticamente assente e la ricerca diretta altrove. La vita media ha superato il secolo grazie agli impianti cibernetici sostitutivi e potenzianti e il collasso demografico è stato scongiurato con l’introduzione di una razionale direttiva internazionale, che dispensa un Permesso di Procreazione solo in caso di un nuovo decesso. Una nascita in cambio di una morte. Tutte le identità personali sono registrate e codificate digitalmente, creando una traccia informatica unica e indelebile. Nessuno sfugge al Sistema e ai suoi occhi elettronici. Nell’ordine disumanizzato di una società gestita dalle macchine, un efferato delitto scuote le fondamenta: un uomo viene trovato morto nel suo appartamento, il suo occhio artificiale strappato dall’orbita oculare. Shaun Morrison, detective dalla personalità complessa e poco incline alla disciplina imposta dal corpo di polizia, indaga sul caso, che sembra subito condurre a un traffico di innesti cibernetici per poi complicarsi. L’elemento di disturbo è qualcuno che il Sistema disconosce: un irregolare.
Commento
Un ottimo romanzo per chi ama le atmosfere Cyber-punk. Gli elementi classici qui ci sono tutti, il controllo di massa, l’ umanità soggiogata ad un grande fratello, eliminazione delle individualità. Tutto perfetto sino a che non arriva il granello di sabbia che inceppa l’ ingranaggio. L’ irregolare che rompe gli schemi e che dimostra la vulnerabilità del “sistema”. Un bell intreccio che non sfigurerebbe in un giallo classico dove l’ identità del traditore rimane nascosta sino all’ ultima pagina.
Un bel numero di pagine per una piacevole lettura, l’ unico appunto è la scarsa cura nel tratteggiare i personaggi. Troppi e poco definiti, non si riesce a capire per buona parte del libro chi siano, cosa facciano e come siano per fortuna si riprende verso la fine delinendone meglio le personalità.
Preso in promo su Amazon (cliccate sotto). Il costo della versione cartacea è assurdo.

BitchBlade 2 di Germano M. – Recensione

BB2media

 

BitchBlade2
di Germano M.
Copertina di Germano M.
Editing di Marina Belli e Giordano Efrodini
64 pagine (previsto), 0,98 euro

Sinossi

Barbara Brambilla è una modella per piedi.
Anaffettiva e sboccata, ama solo il suo pesce samurai.
Il mondo di Barbara è destinato a cambiare.
Una festa di Halloween.
Una strana villa fuori Milano.
Pericoli, mostri, spade giapponesi, humour nero, il cinema degli Anni Ottanta.
In una parola: BitchBlade.
Commento
In primo luogo bisogna precisare che nel volume ci sono 2 racconti e non uno.
Il secondo, quello inedito, è assolutamente travolgente e senza un attimo di tregua. Un racconto di azione con tinte forti, situazioni assurde e citazioni cinematografiche azzeccate da leggere tutto di un fiato.
La protagonista principale, Barbara Brambilla, ha le fattezze dell’attrice Keira Knightley. Una scelta che risulta semplicemente perfetta, e che viene impreziosita dalla caratterizzazione che ne dà l’autore.
Proprio in questo aspetto – la caratterizzazione – c’è la forza di BitchBlade. Barbara è un personaggio che non passa inosservato, non annoia e strappa tante belle risate, grazie all’ humor nero di cui sono intrisi i due racconti.
lo potete scaricare direttamente cliccando sulla copertina:

Brianzilvania di Alessandro Girola – Recensione

cover1Brianzilvania
di Alessandro Girola
Copertina di Giordano Efrodini
Editing a cura di Germano M.
57 pagine circa, 0,95 euro

Sinossi

Quando l’azienda automobilista Avio Motor chiude le fabbriche per colpa degli scandali che coinvolgono i suoi proprietari, oltre quattrocento dipendenti rimangono senza lavoro.
Quattro di loro non hanno intenzione di accettare passivamente tale situazione. Per vendicarsi di quanto accaduto decidono di organizzare una rapina nella villa di Giovanni Avio, l’anziano patriarca della famiglia di industriali lombardi.
Ciò che li aspetta a Segoveso, remoto paese della Brianza lecchese, va però ben oltre i loro peggiori incubi.
I quattro ladri impareranno a loro spese che a volte l’espressione “diabolico capitalismo” non è soltanto metaforica…

986

questa è Karin la protagonista

Commento
Ho più volte recensito i libri di Alessandro Girola perchè lo ritengo uno dei migliori autori indipendenti attualmente sul mercato italiano e, dopo aver a lungo distribuito direttamente i suoi lavori è passato, con aumento della professionalità, sul mega store Amazon.
In questo racconto ci troviamo nella Brianza alternativa, dove le cose non sono quelle che sembrano e il classico imprenditore con la fabbrichetta può nascondere dei risvolti inaspettati; le citrazioni nascoste nel testo che rimandano a film ormai cult costituiranno un ulteriore divertissement nel ritrovarle.
Se fossimo in un paese normale un autore così prolifico ed innovativo sarebbe letto normalmente ma qui in ItaGlia abbiamo ancora dei preconcetti degni del Medio Evo (autopubblicato=merda) e quindi non rimane che fare affidamento sul passaparola e sulla qualità che alla fine paga sempre.
Consigliatissimo a tutti , anche se apprezzabile ancora di più se seguito , o preceduto , dalla lettura degli altri racconti di Girola ambientati nella Lombardia ..alternativa : Milano Doppelganger , Bagliori da Fomalhaut ed altri…oltretutto tutti offerti ad un prezzo ridicolo, cosa che non guasta.
Cliccate qui sotto e lo avrete subito sul vostro lettore:

Manuale di Fotografia Bianco e Nero

coverProprio in extremis, sotto le feste di Natale arriva il manuale di Fotografia in Bianco e Nero. In pratica è la versione in e-book, che racchiude tutte le lezioni di Bianco e Nero che in questi anni sono passate sul blog. Scritto e pensato dalla mia Socia Emanuela, impaginato con maestria da Matteo Poropat contiene tutti i singoli passaggi per allestire una camera oscura ed arrivare alla stampa finale.
Integrato con delle utili appendici, e illustrato con più di 80 fotografie, lo trovate sullo store Amazon cliccando sul link in fondo al post.
L’ idea per un simpatico regalo di Natale a chi è appassionato di fotografia analogica o per chi vuole provare a ritornare alle “origini” e riprendere quel senso di manualità e artigianato che solo la stampa e lo sviluppo nella camera oscura della pellicola in bianco e nero può riservare.
Purtroppo per poter pubblicare il manuale ho dovuto restringere la fruibilità di molti degli articoli che erano sul blog.

Chi non volesse passare attraverso le forche caudine del grande A, mi può contattare in privato per avere il formato epub, ma dovete fornirmi un giustificato motivo!
Per tutti gli altri, ormai asserviti all’ ebook e alla distribuzione Amazon non resta che cliccare sul link qui sotto per averlo sul proprio Kindle in pochi secondi e iniziare a pensare in maniera analogica.!

A Natale siamo tutti più buoni

Anche se non è ancora Natale, l’ atmosfera natalizia è tra noi e ci rende tutti più buoni; per questo voglio proporvi un post leggermente diverso dal solito.

cover

La copertina provvisoria in attesa del nostro grafico di fiducia

Per chi mi conosce personalmente non è necessario spiegare, per gli altri un piccola e doverosa premessa. Da molti anni faccio parte di un associazione di volontariato della mia città, la Pubblica Assistenza Volontari del Soccorso. Quando ero più giovane dedicavo più ore, guidavo l’ ambulanza, facevo i turni di notte. Adesso, passati gli anni, mi limito a dare una mano nell’ amministrazione della Società. Tra le attività della Società, negli ultimi anni, si è aggiunta quella relativa alla formazione.  Sia per i volontari che prestano servizio sulle ambulanze,  sia per chi deve adempiere agli obblighi che provengono dall’ applicazione del D.Lgs. 81/2008 (ex 626) Sicurezza sui luoghi di lavoro, tutte queste attività vengono svolte dal nostro personale coordinato dalla Direttrice Sanitaria Dott.ssa Giorgia Brigati. Durante i corsi per la Sicurezza Aziendale distribuiamo ai lavoratori delle dispense che illustrano le linee guida ministeriali.
Però è difficile che queste dispense possano essere sempre disponibili quando se ne avesse bisogno, allora abbiamo pensato di raccogliere queste dispense e di realizzare un e-book da poter consultare con tablet, smartphone e e-reader. Quindi, chi scarica questa dispensa, oltre a contribuire a finanziare le attività della Società avrà anche a disposizione un volumetto utile per fronteggiare le emergenze.

[highlight1]Tutti i proventi raccolti verranno investiti nelle attività di volontariato che potrete monitorare dal sito della società. Come versare il contributo tramite un sms, ma molto più utile.[/highlight1]
[clients][client_block logo=”http://beppeiaf.altervista.org/wp-content/uploads/2013/12/Senza-titolo-1.jpg” name=”Volontari del Soccorso”][/clients]

Per comprarlo basta cliccare qui sotto:

Nota Tecnica

Al momento l’ebook è disponile solo sul Kindle Store di Amazon.
A chi è in possesso di tablet o smartphone con altri sistemi operativi, consiglio di scaricare le applicazioni gratuite che permettono di leggere ebook acquistati sul Kindle Store su eReader non legati in alcun modo ad Amazon.