Cipolle di Tropea in agrodolce

Oggi prepariamo un veloce contorno da abbinare ai fritti sopratutto di pesce.
Puliamo due cipolle rosse di tropea (come quantità una a cranio) e tagliamole a fettine. In una padella larga versiamo un filo d’ olio e mettiamo sulla fiamma alta, gettiamo le cipolle e lasciamole qualche minuto sino a che non diventano croccanti, saliamo il tutto.

A questo punto spolveriamo con lo zucchero bianco (ad occhio un velo sulla superficie della padella) e sciogliamo lo zucchero con dell’ aceto bianco. Lasciamo andare sul fuoco sino a che l’ aceto non sarà completamente consumato e le cipolle leggermente caramellate.
Le dosi sono indicative perchè lì agrodolce ognuno lo interpreta come preferisce.

Frittatona di cipolle!

Pinaaaaaa! Presto la frittata….

Scusate mi sono lasciato trasportare. Oggi prepariamo un classico, frittata con le cipolle.

Iniziamo con il procurarci 4 cipolle rosse di dimensioni normali ed iniziamo ad sbucciarle ed affettarle a rondelle.Asciugatevi le lacrime.
Se siete uomini rudi saltate la prossima fase, altrimenti proseguite a leggere. Mettete le cipolle affettate in acqua con un goccio di aceto e sciacquature diverse volte, scolate e asciugate con la carta cucina.

Preparate la padella con il solito filo d’ olio EVO e gettate le cipolle, fate imbiondire a fuoco basso. Nel frattempo sbattete tre uova in una ciotola, regolate di sale e pepe q.b.

Inglobate le uova e alzate la fiamma, quando si sarà rappresa voltate agevolmente la frittata con una torsione della mano (ah ah ah) e fate cuocere l’ altro lato.

Potete servire calda come una classica frittata oppure fredda tagliata a cubetti su fette di pane casareccio scaldato nel forno.

Ovviamente accompagnate con una Peroni gelata!