Oggi brodo!

Ben ritrovati all’ appuntamento della domenica. Oggi ricetta semplice, classica ma gustosa. Parliamo di brodo, senza scendere in sofismi sulla differenza tra brodo, consommè, bollito ecc. mettiamo in preparazione una ricetta che ci fornisce un brodo classico utile sia per cuocere la pasta di questa stagione (raviolini, tortellini), sia per i risotti che per ottenere il bollito.

Per prima cosa ci procuriamo il pentolone nel quale cuocere il tutto, dopodichè inziamo con gli ingredienti classici. Costa di sedano, carota, e cipolla bianca nella quale avremo l’ accortezza di conficcare alcuni chiodi di garofano in modo da farla assomigliare ad una mina subacquea della IIGM., poi è il turno della carne.

Qui potete scegliere se volete andare di bovino o pollame. Nel primo caso fatevi dare dal macellaio un taglio di carne con magari anche un pezzo di coda o lingua, se optate per il pollame come dice la ricetta “gallina vecchia fa buon brodo”. Se volete il brodo vegetale saltate il passaggio.

Riempite il pentolone con acqua, se quella del rubinetto non è buona prendete una bottiglia di acqua minerale non gasata. Se non avete problemi di celiachia aggiungete anche un dado, accendete il fuoco basso, mettete il coperchio ed andate ad aggiornare il vostro blog.

Lasciate bollire a lungo, spegnete il gas e lasciate riposare al fresco (fuori dalla finestra). Quando è freddo verrà a galla tutto il grasso, levatelo e cacciatelo (oppure usatelo per fare il sapone). Il brodo è pronto, la verdura e la carne potete mangiarvela. Il brodo che non usate subito, mettetelo in dei sacchetti da congelatore suddiviso nella quantità che vi servono e congelatelo. Al momento opportuno avrete la dose giusta pronta per essere infilata nel microonde.