Premio UNIA

Questo è il mio primo meme, ringrazio Arcangelo che dalle colonne di Ucronìa.it mi ha coinvolto in questo giochino, e mi ha assegnato il Premio MEME. Sostanzialmente si tratta di rispondere a sette domande sulla lettura e come nella più virale tradizione delle catene di Sant’Antonio passare il testimone ad altri sette amici.

Quindi bando alle ciancie e andiamo a vedere le sette domande:

1) Qual è il primo libro che hai letto in assoluto?
Non posso essere sicuro ma penso una delle enciclopedie illustrate che erano a casa, poi forse uno degli Urania della collezione di mio padre, attirato dalle copertine con le astronavi.

2) Hai mai fatto un sogno ispirato a un libro che hai letto? Se sì, racconta.
Di solito non mi ricordo i sogni quindi magari è successo ma non lo so

3) Qual è la prima cosa che ti colpisce in un libro? La copertina, la trama o il titolo?
Di solito guardo la trama anche perchè i titoli soprattutto con le traduzioni a c… non significano molto e le copertine variano da edizione quindi non sono attendibili.

4) Ti è mai capitato di piangere per la morte di un personaggio?
Piangere per la morte di un personaggio no, però emozionarmi per qualche scena si e anche andare a rileggermi la scena specifica diverse volte sì, molte volte

5) Qual è il tuo genere preferito?
Direi l’ action, anche se amo le commistioni di generi. Diciamo che l’ horror puro ed il fantasy non mi attirano tantissimo così come il giallo classico, ma per il resto leggo tutto. Anche le etichette dell’ acqua minerale mentre sono al ristorante ad aspettare.

6) Hai mai incontrato uno scrittore?
Se per scrittore intendiamo chi vive di scrittura sì, anche diversi (qua sotto vedete anche la foto 🙂 ). E fortunatamente quelli che ho conosciuto erano tutte persone simpaticissime, cordiali e alla mano. Forse perchè non erano quelli che si vedono in televisione da Vespa o da Fazio a pubblicizzare i loro lavori.

7) Posta un’immagine che rappresenti cosa significa per te le lettura.
Qui è già più difficile perchè devo cercare o su internet o in archivio. E quindi vi metto questa:

Sergio (Alan D.) Altieri

Sergio (Alan D.) Altieri

In questa foto c’è il mio scrittore preferito con uno dei suoi capolavori, la foto non è gran che ma è un reportage non un servizio posato, quindi mi accontento.

Adesso devo coinvolgere altri sventur blogger in questa catena e quindi evoco:


 

 

 

Auguri, apocalittici, di fine anno!

Il Maestro Con al sua Opera Prima

In anticipo sulla notte del 31 Dicembre oggi ho ricevuto un bel regalo di Natale.

Niente cravatte (tanto non le metto) o pesanti tomi rilegati in pelle di cinghiale contenenti la riproduzione dei mosaici bizantini.

Un regalo fatto di byte. Nel messaggio di fine anno ai suo fan, Alan D. Altieri (detto Sergio) ha inserito il programma per le uscite del 2012 con molte buone notizie.

In primo luogo una nuova antologia “Warrios” con argomento  le donne guerriere…quindi lame affilate e piombo ad alta velocità in formato femminile, ma non per questo meno terminale.

Ed in secondo luogo, due nuovi files per provare il vostro nuovo e-reader!

Cliccando qui trovate il link per scaricare gratis due pdf.

Il primo è   “Death Economy”,  un mini-saggio nel quale si analizza l’attuale situazione economica globale e, just for the hell of it, anche italiana.
Senza anticipare troppo dei contenuti, “Death Economy” è l’esplorazione di come una struttura finanziaria globale possa essere simultaneamente omicida e suicida seccondo l’ apocalittico punto di vista di Sergio Altieri.

Il secondo è “Götterdämmerung” invece è pura adrenalina e azione. Dal titolo decisamente ingombrante e volutamente provocatorio, “Götterdämmerung/La Caduta degli Dei” è un racconto breve che secondo le indicazioni dell’ autore, farà parte di “Killing Fields” (titolo provvisorio), progetto antologico ad ampio respiro incentrato sulla tematica della guerra.

Ora avete qualcosa per provare i vostri nuovi reader!!