Boomstick Award 2015

Stamattina trovo la notifica di aver conquistato un ambito riconoscimento nell’ ambito dei blogger.

Il Boomstick Award (edizione 2015, ovviamente).

L’ambito riconoscimento mi è stato assegnato da Alessandro Girola, guru del blogger italiano, creatore di mondi fantastici e esimio scrittore autoprodotto. Riconoscimento quindi che viene da fonte altamente qualificata.
Grazie al premio posso quindi  premiare a mia volta sette blogger, per il lavoro svolto negli ultimi 12 mesi.
La mia valutazione è una cosa “a pelle” non sono certo alla ricerca di risultati conseguiti in maniera più o meno eclatante o direcord di Hit ricevuti.
Detto ciò…

Cos’è il Boomstick? È il bastone di tuono di Ash ne L’Armata delle Tenebre. Una doppietta Remington, canne d’acciaio blu cobalto, grilletto sensibilissimo. Magazzini S-Mart, i migliori d’America.

Perché un Boomstick?
Perché il blog è il nostro Bastone di Tuono!

Come si assegna il Boomstick?
Niente di più facile: dal momento che in giro è un florilegio di premi zuccherosi per finti buoni (o buonisti) & diplomatici, il Boomstick Award viene assegnato non per meriti, ma per pretesti.
O scuse, se preferite.
Nessuna ipocrisia, dunque.

Per conferirlo, è assolutamente necessario seguire queste semplici e inviolabili regole:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore.

2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione.

3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto.

4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.

I vincitori avranno il sommo onore di esporre il banner della presente edizione sul loro blog.

boomstick2015-small

Queste sono le regole del Fight Club del fondatore del Boomstick Award, Germano Hell Greco.

Vediamo quindi chi sono gli assegnatari dell’ edizione 2015

Per chi ama le immagini e la grafica è un punto di riferimento e quello che riesce a fare con Photoshop io me lo sogno. Poi mette una sacco donne bellissime e crea le illustrazioni con il bondage che adoro.

Perchè è uno dei migliori ritrattisti in circolazione, ha uno stile semplice che trovo meraviglioso e viene anche lui dalla fucina di I.A.F. Ed è italiano anche se lavora in tutto il mondo

Anche se non è aggiornato con regolarità si trovano sempre un sacco di iniziative creative e dei tutorial ottimi. E poi fotografa molto bene.

Perchè riesce a parlare di aspetti dei film che non avrei nemmeno mai pensato e poi posta gli articoli fregandosene del SEO e di Gugle.

Perchè è una marca che è la leggenda della fotografia e da sola evoca atmosfere magiche. Riesce a dare spazio a fotografi famosi e non che con le loro opere servono a capire meglio di tante discussioni sterili di Ph della domenica.

 

Perchè è il più internazionale dei blogger italiani e scrive in inglese con un nativo. Riesce a scrivere di cose che nemmeno nel più fantasionso dei romanzi potevate immaginare ed invece sono vere.

Perchè è la giornalista più fashion del panorama italiano, perchè di Genova come me e gira nei vicoli alla ricerca dei locali più trendy con la sicurezza di chi ci vive. E poi i suoi articoli sono graffianti e interessantissimi.

Ricordate che

a) il premio può essere assegnato dai sette vincitori ad altrettanti blogger meritevoli, contribuendo a creare, come tutti gli anni, una delle più gigantesche catene di sant’antonio che la storia di internet ricordi

b) premio e banner sono una creazione di Hell, quindi sarebbe buona creanza citarlo negli articoli

c) il Boomstick è un premio cazzuto. Se l’avete vinto non siete di sicuro delle mezze cartucce, ma… se non rispetterete le 4 semplici regole che lo caratterizzano, allora mezze cartucce diventerete…

… e vi beccherete d’ufficio, in quanto tali, il celeberrimo Bitch Please Award.

bitch_please_2015-small

Programmi per il 2015

befana-con-aspirapolvereIn colpevole ritardo sulla normale programmazione dei veri blogger vediamo di fare un programma di quello che sarebbe interessante avere nel 2015 su questi schermi.

In primis stiamo aspettando che la nostra collaboratrice Emanuela si liberi dei suoi impegni per potersi dedicare al reportage del suo viaggio attraverso l’ Asia Centrale e l’ Uzbekistan, un racconto che sicuramente appassionerà gli amanti della fotografia di viaggio.

Ritorneranno anche le ricette della domenica con la collaborazione di Gemma

E questi sono i classic. Poi sono in trattativa per reclutare una nuova collaboratrice che ci racconterà delle sue escursioni in mountain bike e della fotografia on the road.
Ed io cosa faccio?

Direi nulla…ma non è possibile!

Per quanto attiene ai miei “progetti fotografici” (non ridete), vediamo cosa c’è che bolle in pentola.
Sino alla fine del campionato di calcio sono impegnato come fotografo ufficiale per la Lavagnese che milita nel campionato di Serie D, con l’ arrivo dell’ estate ricominceremo con il cannottaggio.
I progetti personali di ricerca sono ancora abbozzati ma ne ho uno che interessa le vecchie stazioni ferroviarie oramai abbandonate man mano che si concretizzeranno sarete informati.

Per quanto riguarda i libri, visto il bel risultato del 2014 nel nuovo anno vedremo di uscire con un nuovo titolo.