Crea sito

Pulizie di Primavera #2

Benritrovati, la settimana scorsa ci eravamo lasciati dopo aver pulito la polvere sul sensore con uno dei due metodi principali, ovvero aspirazione o soffiaggio, oggi passiamo alle pulizie di primavera #2 ovvero andiamo a pulire direttamente il sensore.

Se questo non è stato sufficiente ad eliminare le vostre macchie dobbiamo pensare di passare ad una pulizia diretta del sensore.
Come facciamo a sapere se la pulizia è stata sufficiente? Scattate una fotografia al cielo azzurro chiudendo il diaframma da f/11 in avanti, osservate la foto dovreste vedere se sono rimaste macchie.

spatSe sono rimaste ancora delle macchie dobbiamo mettere mano al sensore pulendo direttamente.

il sistema più pratico è quello di usare le apposite spatoline “swab” ricoperte di carta di riso imbevuta del liquido per la pulizia, esistono di varie misure a seconda della dimensione del sensore sia esso FF o APS-C. Se utilizzate le spatole già pronte basta scartarle e passarle sul sensore una o due volte in solo senso. La spatolina deve essere gettata dopo l’ uso!

Se avete molti problemi di sporco potete pensare di procurarvi il necessario per sostituire le spatoline pronte. Vi servono:
– cartine per la pulizia dell’ottica in carta di riso (neg.di ottica)
– elastico (x bloccare la carta di riso al pennello)
– liquido eclipse
Il liquido eclipse è il detergente per lenti-sensori molto puro composto in prevalenza dblwtcdgb2kkgrhqyhcqetcka metanolo. Si asciuga con la velocità con cui viene applicato, non lasciando assolutamente nessun residuo.

Potete procedere mettendo qualche goccia di liquido eclipse sulla carta di riso che avvolge il pennellino e bloccarla dall’elastico in cima, passate dolcemente sul sensore da destra a sinistra e poi da sinistra a destra utilizzando l’altro lato del pennellino.

Poi buttate la carta di riso e riciclate la spatolina. Mi raccomando quando aprite la confezione delle cartine non toccatele con le dita che saranno senz’ altro unte, rischiate di trasferire il grasso sul sensore.