Crea sito

I soliti pagliacci

La pagina di Facebook

La pagina di Facebook

Che la Rete fosse una prateria dove scorrazzano i peggiori figuri era ormai noto, però ogni tanto riesco sempre a sorprendermi.
Antefatto
Scorrendo la time line di Facebook vengo colpito da una fotografia a corredo di un post che riconosco al volo, lo stile è quello inconfondibile di Eolo Perfido . Controllo meglio, è una campagna contro la violenza sulle donne, però del suo nome non c’è traccia.
Per sicurezza salvo la videata e contatto Eolo, ovviamente lui non ne sapeva nulla e la foto è stata usata a sua insaputa.
Lascio quindi un commento sulla pagina FB in questione, dove preciso che la foto è stata usata senza autorizzazione dell’ autore (ne era già presente uno che affermava lo stesso concetto), oggi passo per controllare e sorpresa…i commenti sono stati cancellati.

Non mi aspettavo che si scusassero ma che almeno avessero il buon gusto di cancellare il post.
Parlando con l’ autore ho scoperto che l’ immagine è divenuta, volente o nolente, l’ immagine per ogni campagna relativa alla violenza sulle donne, il tutto ovviamente senza citare/ringraziare o, bestemmia, pagare l’ autore.

Forse lo sfogo non servirà a nulla ma non avrei potuto far finta di nulla.

I commenti li lascio a voi anche se io una mia opinione l’ avrei…

2 thoughts on “I soliti pagliacci

  1. Mi ricorda tanto, quando nel mio piccolo, è stato plagiato quel post sui serpenti. Rimosso il post dopo la mia richiesta, ma credi si siano scusati?
    Una vergogna

Comments are closed.