Crea sito

Fotografia e Fumetti – Valentina

Oggi inauguriamo un nuovo ciclo di articoli sulla contaminazione tra Fotografie e Fumetti. Iniziamo quindi con un personaggio dei fumetti che è un fotografo, o meglio una fotografa.

VALENTINA disegnata da Guido Crepax
Valentina di Crepax

da wikipedia: Guido Crepax, al secolo Guido Crepas (Milano, 15 luglio 1933 – Milano, 31 luglio 2003)
Il nome Valentina, legato al fumetto riporta subito alla mente Guido Crepax , uno dei maestri italiani del fumetto d’autore.
Tutti associano al fumetto di Crepax un classico dell’ erotismo degli eroi di carta, o come direbbe il Maestro Bonelli delle “nuvole Parlanti” , alcuni, per sentito dire; i più, per aver letto le sue storie.
Dopo i tentennamenti iniziali, quando i connotati del personaggio non erano ancora definiti, Valentina si è imposta come fotografa di moda, che si è divisa tra le sessioni in studio (in corso Sempione, a Milano), le scenografie esterne e le location all’aria aperta.
Anche se il disegno la rappresenta più come una modella che come una fotografa, sopratutto per le sue mise che non lasciano nulla all’ immaginazione Valentina ha attraversato oltre trentacinque anni di carriera, datati dalla prima apparizione nella terza puntata di Neutron, personaggio dalla cui costola è nata a pagina 73 del numero quattro di Linus.
Uno dei fumetti più longevi del panorama italiano.
La macchina fotografica a volte, è stata soltanto un elemento grafico buono per completare la composizione di una tavola, ma in diverse occasioni è stata l’autentica protagonista della storia: a partire da Ciao Valentina, del 1966, nella quale dettagli casualmente e involontariamente inclusi nel secondo piano di fotografie di moda svelano un omicidio (singolare parallelo con il film Blow up, di Michelangelo Antonioni, al quale l’episodio è cronologicamente anteriore).
Addirittura, in Valentina assassina, del 1975-76, la macchina fotografica è a lungo sospettata di essere l’arma di una misteriosa serie di omicidi.
Nel corso dei decenni, Valentina ha utilizzato macchine fotografiche diverse, anche se le preferite sono rimaste sempre la Rolleiflex biottica (soprattutto), la Rolleiflex SL66 e l’Hasselblad completa di cappuccio rigido di messa a fuoco con lente di ingrandimento. Più raramente, si sono viste alcune reflex 35mm; qualche volta, sono apparsi apparecchi a banco ottico.
Alla fine degli anni Ottanta,  Valentina è stata testimonial della Fuji.
Si ringrazia Massimo Rebuzzini per la documentazione