Crea sito

Foto Low – Key

Ritratto Low-Key

Retaggio del passato oggi parliamo di foto Low – Key, ovvero tradotto letteralmente “foto in chiave bassa”. Che scritto così non vuol dire nulla, cerchiamo di essere più espliciti.
La tecnica della fotografia Low – Key è quella caratterizzata da un fondale nero o scuro nella quale spicca il soggetto colpito da una luce, di solito radente, che ne evidenzia i caratteri. Questo tipo di illuminazione rende molto con i ritratti di uomini anziani, con il viso segnato dalle rughe che vengono così evidenziate nella loro texture.

Questo stile di fotografia è quello tipico di molti maestri del Bianco e Nero e di molti pittori rinascimentali, che dovrebbero essere materia di studio per chi volesse iniziare a fotografare seriamente, come ad esempio il Caravaggio (esiste addirittura uno schema di luce che prende il suo nome).
Fate attenzione a non cadere nel tipico errore di chi confonde le foto Low – Key con le foto sottoesposte, nel Low – Key il soggetto è correttamente esposto ed il resto non è illuminato.

Tecnica di scatto
Per ottenere un effetto Low – Key non basta sottoesporre l’ immagine, occorre indirizzare la luce a disposizione solo sul soggetto escludendo il resto. In esterni dobbiamo scattare verso sera quando la luminosità ambientale è minima illuminando il soggetto con un flash dotato di una parabola che permetta di concentrare la luce lasciando il resto allo scuro. In interni dobbiamo avere un fondale nero che ci garantisca l’ assorbimento della luce quasi totale.