Crea sito

Flickr dice basta ai professionisti

La notizia di cui si parla maggiormente nella blogsfera fotografica in questi ultimi giorni è la riorganizzazione del noto portale fotografico Flickr.

flickrA seguito delle vicende societarie di Yahoo, che ha appena acquisito Tumbrl per la modifica cifra di 1,1 miliardi di dollari è stato eseguito un riassetto societario e delle varie aree tematiche del colosso del web. La cosa più eclatante è stata l’ eliminazione degli account “pro” con la riorganizzazione del portale fotografico con nuova grafica, inserimento pubblicità e i famosissimi “like” stile FB.
Secondo le indicazioni di Marissa Mayer, Ceo di Yahoo, durante una conferenza stampa la modifica è stata presa perchè, a suo dire “oggi, con l’ubiquità delle fotocamere, non esistono più concretamente fotografi professionisti, dal momento che chiunque è professionale. Certo, ci sono diversi livelli di abilità, ma non c’è più bisogno di fornire una sezione speciale per professionisti, vogliamo dare a tutti la possibilità di avere, archiviare e condividere foto di qualità professionale”.

Poi resasi conto della cazz  assurdità che aveva detto è tornata sui suoi passi dicendo che intendeva gli account “pro” e che, adesso con lo spazio di archiviazione praticamente illimitato (1 tera) non c’è più bisogno di sottoscrivere l’ opzione a pagamento.
Questo non è bastato per placare le ire e i flame che si sono accesi sui vari blog e forum di fotografia.
A mio parere si tratta solo di un mossa commerciale per rianimare un portale abbastanza stantio e che pativa la concorrenza massiccia di FB, Istantgram e di Tumbrl, eliminando un ramo che non portava abbastanza utili all’ azienda, preferendo riempire di banner pubblicitari i fotografi compulsivi con lo smartphone.

Ma magari sbaglio…