Crea sito

Flash di giorno – parte quarta

Ritorniamo agli articoli sull’ uso del flash (potete trovare gli altri qui). Nell’ articolo precedente abbiamo parlato dell’ utilizzo del flash con l’ automatismo TTL e delle sue regolazioni, ora affrontiamo le potenzialità dell’ utilizzo manuale.
Questo ci consentirà di poter adoperare anche flash semplici, da recuperare anche usati a poco prezzo senza doverci svenare con i costosi flash di marca.
Intanto una premessa, lavorare con il flash in digitale è molto più semplice ed efficacie rispetto alla pellicola perchè il monitor consente di vedere subito il risultato e introdurre le correzioni del caso. Una volta si dovevano fare calcoli, oppure affidarsi alle polaroid e sperare sino allo sviluppo di avere azzeccato tutti i fattori in gioco.

f/8 – 1/250 Iso 320

Cerchiamo di capire quali siano i fattori che entrano in gioco e come regolarli per ottenere l’ effetto voluto.

Potenza del flash
Di solito è possibile regolarla in diversi step, si parte da 1/1 (piena potenza) e poi si scende a 1/2, 1/4 ecc ecc. Se usiamo un radiocomando, o un cavo molto lungo, lasciamo la piena potenza e proviamo ad allontanare/avvicinare il flash per modificare gli effetti. Questo, in mancanza di regolatori del lampo (pannelli, ombrellini, griglie) in fluirà anche sulla qualità della luce. Ricordatevi che la luce diminuisce in ragione del quadrato della distanza, per ogni unità di distanza la luce diminuisce di un quarto.

Sensibilità ISO
Anche se i moderni sensori rendono bene anche ad alte sensibilità utilizziamo sempre il valore minimo. Alziamola solo in casi estremi.

Tempo di scatto
Controllate qual’ è il massimo tempo di scatto della vostra macchina,  per le macchine

f/ 5,6 – 1/250 Iso 320

moderne si aggira intorno a 1/250. Non utilizzate valori maggiori perchè avreste delle zone nere nella foto.

Apertura diaframma
Questa è la grandezza principale sulla quale operare, il variare dell’ apertura del diaframma vi consentirà di regolare l’ influenza della luce flash rispetto alla luca ambiente sulla foto. Attenzione alla diminuzione di profondità di campo connessa all’ apertura del diaframma, valore che influenza anche lo sfondo.

Nelle foto potete vedere la mia socia Emanuela in versione balneare, le foto sono state scattate a pochi minuti di distanza una dall’ altra. A mezzogiorno. Questo per dimostrarvi come una semplice regolazione dei fattori posso portare ad effetti totalmente diversi.

In via empirica regolate l’ esposizione sullo sfondo e diminuite di due stop, flash piena potenza a circa 4/5 metri (se il flash è poco potente avvicinatelo).
Ora date il via alla sperimentazione!

Questo vi servirà per sperimentare, programmate questo investimento:

One thought on “Flash di giorno – parte quarta

Comments are closed.