Crea sito

Flash di giorno – Parte terza

giugno 12, 2012 Fotografia, Lezioni di Fotografia con 1 commento di
Share:
Condividi

Bentrovati ad un nuovo articolo sull’ utilizzo del flash di giorno. (la puntata precedente la trovate qui).

Se nelle precedente puntata abbiamo visto come far rimbalzare la luce sui soffitti o sulle pareti per ammorbidire la luce e dare una caratterizzazione meno dura al nostro lampo ora cerchiamo di capire come bilanciare la luce flash con la luce ambiente.
Vi preannuncio che:

a) non è una cosa facile;
b) non esiste una risposta definitiva;

Emanuela BiolloPer andare avanti dobbiamo avere una certa conoscenza di come funziona il flash, iniziamo dalle basi.
Solitamente il flash viene utilizzato nella modalita TTL oppure nelle fotocamere più moderne i-TTL, se sapete cos’è il sistema TTL potete saltare in fondo all’ articolo, altrimenti continuate a leggere.
TTL è l’ acronimo inglese di attraverso la lente ed è stata una delle maggiori rivoluzioni nella fotografia a pellicola, in pratica il sistema consente di leggere quanta luce arrivava sul piano della pellicola (oggi sensore) e “spegnere” il lampo quando si era raggiunta la corretta illuminazione. Con il progredire dell’ elettronica sono nati i sistemi i-TTL dove il flash prima di scattare lanciava i cosiddetti pre-lampi che arrivavano sul soggetto ed illuminandolo consentivano al processore della macchina di calcolare la corretta esposizione confrontando la situazione con gli algoritmi memorizzati in precedenza. Tutto questo prima che voi finiste di schiacciare il pulsante di scatto. Figo vero?

Ora con l’ avvento del digitale sono cambiate le esigenze e non c’è la necessità di azzeccare al primo colpo l’ esposizione flash (una delle maggiori quando si lavorava con la pellicola e non si voleva rischiare di avere un rullino inutilizzabile) in quanto rivedendo subito la foto sul display ed analizzando l’ istogramma si può intervenire prima degli scatti definitivi.

Il sistema più semplice per iniziare a fare esperienza è quello di usare l’ apposito comando presente sulla macchina (o sul flash) e con la modalità TTL inserita azionare il correttore e provare a vedere i risultati che si ottengono inserendo valori sempre crescenti si sovra o sotto esposizione. Cercate il simbolo del lampo con a fianco +/-  ed iniziate a fare esperimenti.

Nei prossimi capitoli vediamo come ci possiamo staccare da questi automatismi.

 

Un commento

  1. posted on ott 22, 2012 at 7:55 AM  |  reply

    [...] agli articoli sull’ uso del flash (potete trovare gli altri qui). Nell’ articolo precedente abbiamo parlato dell’ utilizzo del flash con l’ [...]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Le immagini pubblicate su questo blog sono state reperite in rete, dove è noto viene citata la fonte o rispettato il Copy. Se trovate foto vostre sul blog contattatemi e provvederó a rimuoverle. Le altre sono mie.