Crea sito

Dentice sommerso

Oggi ricettina veloce e adatta per tutti. Nessun problema di intolleranza e un occhio alla linea.

Recupe

riamo un dentice, (se preferite carni più delicate ripiegate sull’ orata) pulitelo o fatelo pulire delle interiora. Dategli una bella sciaquata prima con l’ acqua e poi con un po di vino bianco. La tradizione vorrebbe che voi lo lavaste in acqua di mare dopo averlo pulito con un coltellaccio e gettato i visceri fuori bordo per attirare altri pesci…ma accontentiamoci.

Nella cavità del pesce inserite una rondella di limone e un rametto di salvia, preparate un contenitore da forno in cui metterete un fondo di sale grosso. Posizionate il dentice e ricoprite di sale, abbondate tanto il sale costa poco. Appena preparato il monticello infornate.Forno a 220° per il tempo di cottura la regola empirica vuole 30 min per ogni cm di spessore del pesce, altri lasciano un buchino per controllare quando l’ occhio cambia colore ma lo sconsiglio perchè non è semplicissimo.

Sfornate il contenitore facendo attenzione a non scottarvi, rompete la crosta ed estraete il pesce. Levate il limone e la salvia, i granelli di sale attaccati sopra, spinate e servite con un filo di olio EVO se volete restare leggeri.

Se vi piacciono le cose un po’ più gustose preparate una salsina con olio EVO, mezzo limone, sale, pepe e una goccia di tabasco. Sbattete con violenza e usatela per condire i tranci.

Accompagnate il tutto con un pigato fresco.

N.B. il sale non gettatelo, potete usarlo per scongelare i gradini fuori di casa o sciogliere la neve sul tetto del box.

2 thoughts on “Dentice sommerso

  1. Ottimo, adoro il dentice! Però… il tabasco… non lo so. Dici che vale la pena? Non si rovina il gusto?

Comments are closed.