Fotografare il Footgolf

CRI_1428

uno scorcio della gara nel Golf Club Rapallo

Ogni tanto capita che ti chiedano un lavoro, esordendo con: “tu che fai fotografo sportivo…” e qui dovresti iniziare a preoccuparti.
E ti ritrovi a fotografare il footgolf. Che sino a pochi minutissima non sapevi nemmeno che esistesse.

Quindi per quanto ti documenti su internet non riesci a trovare foto che ti spieghino come funziona, e quindi ti presenti all’ appuntamento non sapendo i fondamentali di ogni fotografo sportivo, ovvero conoscere lo sport che si fotografa.

Ho messo in borsa di tutto non immaginando quel potessero essere gli scenari, l’ idea più azzeccata è stata quella riportare il flash che mi ha consentito di avere delle immagini molto scenografiche nelle parti di campo in ombra. Inutile il monopiede in quanto è necessario seguire i giocatori, mentre è stato utile un zoom grandangolare in quanto possibile avvicinarsi molto ai giocatori (non sono come i golfisti).

Per fortuna una gentile signora dello staff mi ha accompagnato con il cart lungo il percorso garantendomi di trovare i migliori scorci.

 

Privacy Policy

Tra qualche giorno, precisamente il 2 di giugno sarà l’ultima data utile per adeguarsi alla normativa sui Cookies e generare una Privacy Policy.
Dire che ho le idee poco chiare in proposito è poco, però dal momento che – a quanto pare – per chi non si adegua sono previste sanzioni anche salate non distinguendo chi ha un blog amatoriale, ospitato su hosting di terze parti e chi ha siti professionali, ho inserito un banner che avverte della presenza di cookies nel sito.
Sperando che che questo basti a mettermi in regola – nel caso accetto consigli da tutti – per una maggiore trasparenza ricordo che il sito è realizzato utilizzando un hosting messo a disposizione da Altervista e che se esistono dei box pubblicitari sono inseriti di default.

Il sottoscritto, non ha scritto una sola riga di codice e, dei dati personali di chi legge i miei post non importa assolutamente nulla quindi i vostri dati personali non sono da me immagazzinati e/o profilati.
Se all’ interno del sito esistono dei cookie di terze parti quali inserzionisti pubblicitari e/o gestori del hosting io non posso esserne al corrente.
[message_box type=”confirmation”]
Se ritenete che i cookie possano essere un problema per voi, abbandonate la lettura del post e proseguite in un altri lidi.
[/message_box]


Privacy Policy

Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs 30 giugno 2003 n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, di seguito viene fornita la Privacy Policy del sito Blog di Beppe.
Ricordo che Blog di Beppe è un sito amatoriale, in quanto non viene aggiornato periodicamente, inoltre Blog di Beppe è un blog senza alcun fine di lucro, (anzi di solito ci rimetto). Essendo il blog ospitato su dominio di secondo livello la pubblicità è gestita direttamente da chi gestisce l’ hosting.
Come posso controllare o cancellare i cookies?
La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookie in modo automatico. Potete modificare queste impostazioni per bloccare i cookie o per avvertirvi che dei cookie vengono mandati al vostro dispositivo. Esistono svariati modi per gestire i cookie. Vi preghiamo di fare riferimento al manuale d’ istruzioni o alla schermata di aiuto del vostro browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del vostro browser. Se disabilitate i cookie di cui facciamo uso, ciò potrebbe influenzare la vostra esperienza mentre vi trovate su Blog di Beppe, per esempio potreste non essere in grado di visitare certe sezioni del Blog di Beppe o potreste non ricevere informazioni personalizzate quando visitate il nostro sito.  Se usate dispositivi diversi tra loro per visualizzare e accedere ai Siti Internet (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), dovrete assicurarvi che ciascun browser su ciascun dispositivo sia regolato per riflettere le vostre preferenze relative ai cookie.
Per avere ancora più informazioni a riguardo, cliccando qui troverete la pagina dedicata del Garante della Privacy.

YOGA & CHAKRA

coverOggi ri-ospitiamo sul blog una bravissima autrice, Lara Maggi. Aveva esordito con il suo libro che spiegava le basi dello yoga, libro che è da oltre un anno nella classifica di Amazon, ed ora ci presenta la sua nuova fatica : YOGA & CHAKRA .

Diamo quindi il benvenuto a Lara e iniziamo con le domande.

Per prima cosa, quanto sono importanti i Chakra nella vita quotidiana di tutti noi ?

I chakra sono correlati sia con il sistema nervoso sia con quello endocrino e vengono da questi fortemente influenzati. In sostanza i chakra consentono il passaggio di energia vitale per distribuirla alle varie dimensioni di cui siamo composti. Esistono canali energetici specifici per ogni singolo chakra, cioè i meridiani, nei quali scorrono le energie necessarie al nostro benessere.

I chakra si presentano come delle ruote di luce di diverso colore, che assorbono e trasmettono energia per mantenere la salute fisica e l’equilibrio interiore. 

e quindi i nostri stili di vita possono alterare questi equilibri ?

Sì, l’attività dei chakra può essere rallentata o repressa dai ritmi alienanti della vita quotidiana o da pensieri negativi, causando squilibri o malattie negli organi da essi governati.

Quindi, dal punto di vista energetico, la malattia è determinata da uno squilibrio energetico che si è creato dentro di noi.

esistono quindi delle relazioni tra la pratica dello yoga e la funzionalità dei chakra?

La pratica Yoga  ha la caratteristica di agire sui chakra, plessi fisici e sottili del nostro essere, fulcri che se riequilibrati e attivati determinano il benessere della nostra energia mentale, emotiva e fisica.

allora possiamo dire che questo libro è un punto di partenza ?

certo! questo piccolo e-book , nasce da alcune dispense fatte per i miei allievi. Vuole essere una piccola e chiara  introduzione alle caratteristiche dei  7 chakra. Consiglio sempre di aumentare la propria consapevolezza con delle lezioni sotto la guida di un istruttore preparato. 

Salutiamo Lara e la aspettiamo qui per il suo prossimo lavoro, l’ebook lo potete leggere al costo di una colazione cliccando sulla copertina oppure se aderite al programma KU di Amazon lo leggete gratis.

Zona Z e le Bambole del Latemar

Visto che ormai ci siamo infilati a piè pari nella primavera e quindi (secondo i miei standard) non si può fotografare ritorniamo a parlare di libri.
Lo facciamo con due autori autoprodotti che hanno sfornato adesso le loro ultime fatiche.

Zona Z di Alessandro Girola e le Bambole del Latemar di Germano M.

zona-z-preview

Sinossi (da Amzon.it)

I morti si sono risvegliati e, proprio come succede nei film horror, hanno attaccato i vivi per divorarli.
Un ordigno sperimentale, caduto nelle mani degli scienziati del Califfato Nero, pare essere la causa della zombie apocalypse.Gli jihadisti hanno però fatto male i conti.
La loro arma si è infatti trasformata in un boomerang. Le radiazioni incautamente rilasciate hanno colpito l’intera area mediterranea, trasformando il Nord Africa e parte dell’Europa meridionale – Italia compresa – in un inferno.
Tuttavia i vivi hanno vinto. Gli zombie sono stati contenuti nell’Area di Quarantena Prolungata, una wasteland che va dalle Alpi Centrali al deserto del Ciad e del Niger, dal confine tra Algeria e Marocco alla valle del fiume Giordano. Nell’Area esistono solo poche roccaforti riconquistate dai contingenti NATO ed EUFOR, mentre tutto il resto è terreno di caccia degli zombie.
Un anno e mezzo dopo la creazione di questa enorme zona rossa, il mondo esterno fa di tutto per dimenticare e per esorcizzare la spaventosa catastrofe che l’ha colpito.

Ted Kenn, giornalista del New Yorker, già vincitore di un premio Pulitzer, non vuole dimenticare.
C’è un segreto che si cela nell’Area, custodito da un eremita che ha deciso di insediarsi nel cuore del regno dei morti viventi. Kenn è intenzionato a scoprire di cosa si tratta.
Per farlo ingaggia alcuni esperti contractors, che lo scorteranno in quello che promette di essere il più importante reportage della storia umana.

Giudizio

Zona Z non è una classica storia di Zombi. Zona Z è un nuovo universo creato da Alessandro Girola in cui si innesta questa storia che vuole essere letta tutta di un fiato. Con il prezzo di un quotidiano ci si può rilassare qualche ora in compagnia di personaggi che speriamo abbiano un futuro.


le-bambole-del-latemar
Sinossi da Amazon.it

Alto Adige, oggi.

Argy ha un piano: deve rubare il Cristo Neonato.
Per salvarsi la vita. O per morire in pace.
Ha una pistola, una bottiglia d’acqua santa e una meta: il Latemar, sulle Dolomiti.
Là c’è la casa di Bachmann, lo scultore. là c’è la Processione di Bambole, una strana
composizione di rocce che, narra la leggenda, sono state create da una strega.

Giudizio

Preparatevi alla paura, quella vera. Un racconto breve ma che lascia un brivido nella schiena di quelli potenti. La scrittura evocativa di Germano questa volta ci porta sui monti dell’ Alto Adige dove vecchie leggende e nuovi personaggi ci regalano pagine Horror nel più classico degli stili.

Entambi i libri li potete comperare cliccando sulle copertine al prezzo di un caffè.