Fatti una selfie con Imperial

Oggi facciamo promozione al contest organizzato (con una mia consulenza tecnica) da Alessandro Girola per la promozione del suo nuovo romanzo Imperial!

Fatti una selfie con Imperial

imperial-nuova-cover

Copertina di Giordano Efrodini

In cosa consiste il concorso ? Semplice:

salvate la foto che vedete qui accanto – è la copertina del romanzo – caricatela sul vostro tablet o sul vostro ereader e scattatevi una selfie. Una volta fatto ciò, postatela su un social network di vostra scelta: Facebook, Twitter, Instagram, Google +, Pinterest. Quello che preferite. Possibilmente, taggate Alessandro Girola
Se per caso avete già acquistato l’ebook in questione potete utilizzare direttamente quello, per realizzare la selfie.

La deadline (la scadenza) di questo contest è fissata a giovedì 10 aprile.

Possono partecipare – come già detto – soltanto donne.

Non ci sono particolari paletti riguardo alla tipologia di selfie, basta che vi si veda con la copertina del romanzo in mano. Se volete aggiungere qualsiasi personalizzazione, sarà ovviamente ben gradita, soprattutto nell’ottica del premio della giuria (vedi sotto).

Di tutte le foto ricevute verrà realizzata una gallery da postare sul blog Plutonia Experiment. Sarà divertente e spassoso 🙂

Tra tutte le partecipanti al contest sorteggerà un nome a caso, col programma Easy Random Picker. La fortunata vincitrice riceverà in premio un buono Amazon di 15 euro, spendibile sull’omonimo portale, come e quando preferite. Il buono verrà ricevuto via mail.

Ci sarà anche un premio della giuria di qualità, composta da Alessandro dal gran consiglio dei dieci assenti. La foto che riterremo più simpatica, originale o utile ai fini della promozione, riceverà un ulteriore buono Amazon di 10 euro, con le medesime modalità appena descritte.

Questo è quanto. Se volete, utilizziamo anche un hashtag per accompagnare le foto: #selfieimperial andrà benissimo.

suggerimenti per migliorare il vostro selfie:
#se non avete braccia lunghissime scattate davanti ad uno specchio
#non usate il flash
#scattate in posti ben illuminati
#non esagerate con gli effetti speciali
Se volete comprare il romanzo cliccate qui sotto:

23 cose sulla mia fotografia

553140_430237993747203_1716112852_nOggi voglio proseguire, adattandolo, un meme che è partito dal blog di Alessandro Girola, il noto e prolifico scrittore brianzolo.
Siccome lui è Scvittove anche se non pubblica libri veri, cioè quelli di carta (sic!), io adatto il meme alla fotografia e quindi vediamo di trovare 23 cose sulla mia fotografia.

No: non è assolutamente necessario conoscere dei dettagli del genere, ma non credo di essere l’unico che subisce tale tipo di curiosità. Anche perché il Diavolo si nasconde nei dettagli, come è noto.
Giusto per stare in tema, ecco dunque il mio post di oggi

Ventitrè cose di me, mentre fotografo:

  1. Il 100% delle mie foto sono realizzate in digitale.
  2. La pellicola è bella ma essendo nel 2014 è improponibile sopratutto per i tempi e i costi .
  3. Attualmente uso Nikon, D700 e D3s, più una compatta.
  4. Per la post produzione MacBook Pro con Light Room e Photo Shop CS5, non mi serve avere l’ ultima novità
  5. Non sono un talebano della marca, se mi capitasse l’ occasione cambierei sistema anche domani se fosse conveniente.
  6. Non ho difficoltà a saltare da un genere di fotografia ad un altro.
  7. Ci sono fotografie che non scatterei mai.
  8. Mentre fotografo mi isolo dal mondo esterno perciò mi è indifferente quello che accade.
  9. Fotografo anche se ho una persona alle mie spalle, anzi di solito ne ho molte.
  10. Se sono in vacanza mi voglio godere la vacanza e non fotografare.
  11. La mia più grande fonte di distrazione in fase di scatto è il telefono. Seguito a stretto giro dai rompicoglioni.
  12. Non ho tempi precisi per fotografare, quando c’è da fotografare si fotografa.
  13. L’ occasione in cui ho scattato di più è stata una gara di pattinaggio su ghiaccio due giorni, 10 ore al giorno forse 20.000 scatti più o meno .
  14. Ho almeno una mezza dozzina di scatti pronti nella mia testa, prima o poi li realizzerò.
  15. Quando fotografo mi viene sete, mi basta acqua minerale frizzante ben fredda per placare l’ arsura.
  16. Quando fotografo vorrei tenere lontano da me il cellulare, che trovo dannoso per la concentrazione come poche altre cose al mondo, ma non posso nella maggior parte dei casi.
  17. Mi piace il flash se potessi lo userei sempre.
  18. Lo scatto più bello devo ancora farlo. Non sono mai soddisfatto del risultato
  19. Guardando le foto dopo trovo un sacco di cose che avrei potuto migliorare/modificare e mi incazzo.
  20. Tra sport, ritratto, reportage il genere che mi viene più naturale è lo sport (per ora).
  21. La post produzione è necessaria ma cerco di ridurla al minimo perché ci sono tantissimi più bravi di me e porta via tantissimo tempo che non ho.
  22. Quando esco di casa ho la borsa con quello che mi serve per le fotografie che devo scattare, odio improvvisare.
  23. Gli scatti prima sono nella mia testa, dopo nella macchina fotografica, non riesco ad uscire senza sapere che foto scatterò.